Motoclub_Yamaha e KTM
Senza categoria

Celestini Motorsport: tutti i servizi del Motoclub

Nato alla fine del 2017, ma attivo dall’anno solare 2018, il Motoclub Celestini Motorsport prende vita da un’idea di Gianluca Celestini, responsabile dell’area commerciale del nostro showroom, desideroso di creare un polo di aggregazione per praticanti e appassionati di moto a Civitavecchia: dall’enduro  al vintage e dal turismo al racing. Nel giro di pochi mesi il Motoclub ha già emesso oltre 70 licenze e si prepara a diventare nell’imminente futuro un vero e proprio collante per amatori e professionisti del comprensorio.

Celestini Motorsport, come tutti i Motoclub, è un’associazione sportiva senza scopo di lucro di natura territoriale affiliata alla Federazione Motociclistica Italiana e, di conseguenza, al CONI. Oltre all’organizzazione di eventi o raduni, il Motoclub può quindi offrire una serie di servizi specifici legati al mondo delle due ruote, come ad esempio: l’emissione di licenze per la pratica del motociclismo a livello agonistico, l’attivazione di convenzioni in partnership con enti terzi, servizi di soccorso stradale per il moto-turista e la registrazione di moto d’epoca.

Ecco alcune delle domande più frequenti:

– Cosa bisogna fare per avere una tessera del Motoclub? 

Per aderire al Motoclub è sufficiente presentarsi presso la sede del Motoclub  stesso muniti di un certificato medico sportivo. Nel giro di pochi giorni la licenza sarà pienamente attiva.

– Come fare per registrare una moto d’epoca? 

Tra i principali servizi offerti dal Motoclub c’è sicuramente l’evasione di tutte le pratiche necessarie a registrare una moto d’epoca al Registro Storico. Affinché una moto d’epoca venga riconosciuta come mezzo di Rilevanza Storica e Collezionistica è fondamentale che siano passati almeno 20 anni da quello di prima immatricolazione e che il mezzo abbia mantenuto l’imprescindibile condizione di originalità (sono ammesse ristrutturazioni purché non abbiano alterato in maniera irreversibile il modello base). Le condizioni sono molto rigide e non sono ammessi neanche accessori dell’epoca che non siano quelli di primo equipaggiamento. Una volta attestato il sussistere dei requisiti minimi, basterà presentarsi presso il Motoclub con la moto da registrare e la relativa documentazione.

– Come fare per girare in pista con la moto? 

Per poter girare su pista con la propria moto è assolutamente necessario ottenere a priori la licenza agonistica emessa dalla Federmoto con relativa copertura assicurativa. Negli ultimi anni, le licenze hanno subito una relativa semplificazione. Oggi ne esistono principalmente due tipi (fuoristrada e velocità),  con possibilità di estensione dall’una all’altra a fronte di una modesta integrazione.

In conclusione, nonostante il Motoclub sia a tutti gli effetti un organo disgiunto dal concessionario KTM e Yamaha, la sua stessa esistenza dimostra come, nel tempo, la famiglia Celestini abbia saputo affiancare alla tradizionale attività commerciale ed agonistica, una serie di attività complementari volte ad intercettare questa straripante passione per le due ruote di cui è da sempre emblema nell’area di Civitavecchia e Roma.

Mirko Valsecchi con il, Team KTM Celestini JuniorEMX125 - GP di Germania

Leave a Comment